TWITTER

mercoledì 14 settembre 2011

55 WAT DI LUCE CON ACQUA E CANDEGGINA

- Ecco come ottenere 55 watt di luce con una bottiglia di plastica piena d'acqua e candeggina

L'invenzione nata per aiutare i paesi poveri a risparmiare sulla bolletta elettrica
Luce con bottiglie d'acqua e candegginaE' la materializzazione del progetto "un litro di luce" (Isang litrong Liwanag). Sviluppato dagli studenti del MIT (Massachusetts Institute of Technology), in collaborazione con la Filippine Myshelter Foundation, a bassissimo costo, cerca di catturare l'energia del sole al fine di portare la luce nelle baracche dei quartieri più poveri del mondo.
Le bottiglie, piene d'acqua e candeggina, sono perfettamente posizionate in buchi ricavati nel tetto, grazie al sole, emettono luce equivalente ad una lampadina a 55 watt d’elettricità. Il liquido contenuto nelle bottiglie, colpito a 360 gradi dai raggi del sole, genera una rifrazione orizzontale che illumina l'intera stanza.
L'obiettivo della Fondazione Myshelter (creata da Illac Diaz, giovane imprenditore filippino), entro la fine del 2012, è quello di portare la luce ad un milione d’abitazioni.
La costruzione del bulbo è semplice, il principio d’illuminazione si basa su questa semplice procedura:
- per ottenere una maggiore luminosità, riempire una bottiglia con acqua purificata o distillata;
- aggiungere tre cucchiaini di candeggina (la candeggina previene la formazione di muffe e funghi, per cinque anni mantiene l'acqua chiara);
- chiudere il tappo.
La bottiglia, dopo aver preparato il liquido, è inserita in un buco nel tetto (per evitare perdite è sigillato con silicone).
Ora attendere il sorgere del sole per far "illuminare" i locali con la luce delle bottiglie d'acqua.
A Manila ci sono tre milioni di famiglie senza accesso all'elettricità, l'unico modo per illuminare i locali senza finestre (con spazio appena sufficiente per non più di due letti di legno), è quello di far entrare la luce attraverso la porta aperta.

2 commenti:

  1. Perche non inserire anche il nome dell'inventore? Alfredo Moser,

    RispondiElimina
  2. Perche non inserire anche il nome dell'inventore? Alfredo Moser,

    RispondiElimina

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist