TWITTER

giovedì 1 marzo 2012

Cincinnati potrebbe essere alimentata al 100 % da energie rinnovabili entro quest’anno

Dal blog Lo Spirito del Tempo
Traduzione a cura di Lorenzo Micali



 Alimentare ogni città con il 100 % di fonti di energia rinnovabile senza un incremento nei costi per i consumatori, secondo voi è un problema di poco conto? La risposta è senz’altro “sì” a Cincinnati, in Ohio, dove i funzionari stanno lavorando ad un piano che permetterebbe alla città di essere attraversata solamente da energia elettrica rinnovabile già da quest’estate.


La “Queen City” si sta muovendo verso un portfolio di sole rinnovabili, attraverso un piano di aggregazione dell’energia in collaborazione con i fornitori energetici regionali. In Ohio le comunità locali sono autorizzate dalla legge a riunire i cittadini, incentivandoli a comprare energia e richiedere prezzi più bassi per il gas naturale e l’elettricità.
Cincinnati ha deciso che la sua aggregazione dovesse fare un ulteriore passo in avanti, e ha preteso che i fornitori di energia includessero come preventivo la più conveniente e la più pulita elettricità disponibile. Il consiglio cittadino ha esortato l’amministrazione a scegliere fornitori che offrissero soltanto energia rinnovabile.
Se funzionasse, i funzionari potrebbero rendere questa città la più grande negli Stati Uniti ad essere fornita al 100% da fonti di energia rinnovabile – un cambiamento significativo considerando che attualmente l’85% dell’elettricità di Cincinnati proviene dal carbone.
L’opinione pubblica nella regione sembra essere altalenante per quanto riguarda le fonti di energia pulita. Circa 100 persone erano a favore dell’iniziativa alla recente assemblea pubblica. Greenpeace ha fatto scorrere lo slogan “Cleaner is Cheaper“ su un dirigibile che ha volato sopra tutta la città, per sensibilizzare i disastri associati all’energia fossile, stimati annualmente a 200 morti, 313 infarti, e 3200 casi di attacchi d’asma nella comunità.
“Il fattore  che ha il più grande impatto sulla nostra impronta di emissioni di carbonio è il modo con cui ci procuriamo l’elettricità” ha dichiarato Larry Falkin, direttore del consiglio cittadino sulla qualità ambientale. “Questa è, probabilmente, la più grande opportunità che avremo nei prossimi anni di ridurre l’impatto ambientale causato dal carbone a Cincinnati”.
I funzionari della città, attualmente, sono in procinto di rilasciare delle richieste di proposta ai fornitori di energia, per soddisfare i loro fabbisogni di elettricità.
Se i responsi non includeranno il 100% delle rinnovabili senza un incremento nei costi, i funzionari cittadini potrebbero strutturare il progetto in modo tale che ogni consumatore potrà scegliere tra la forma di elettricità più economica, o quella completamente fornita dalle rinnovabili.
Fonte: Cleantechnica.com

Nessun commento:

Posta un commento

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist