TWITTER

giovedì 2 agosto 2012

La Germania prevede di raddoppiare l’energia solare prodotta entro il 2014


Germania, dove il sole (!) splende sempre di più: il ministro dell’Ambiente Peter Altmaier ha dichiarato la scorsa settimana di voler incentivare ulteriormente lo sviluppo del fotovoltaico in modo da poter toccare entro il 2014 la soglia dei 52 GW di potenza. Si tratta di un progetto molto ambizioso, considerando che attualmente la produzione di energia si aggira intorno ai 27 GW.
Dopo diverse settimane di confronto e negoziazione fra alte cariche del Parlamento tedesco, si è arrivati alla conclusione che una volta raggiunto il tetto di produzione previsto saranno abolite le tariffe agevolate per il fotovoltaico. Questo vuol dire che almeno per qualche anno la popolazione tedesca potrà usufruire degli incentivi per rinnovare i propri impianti di produzione elettrica. Si potrebbe prospettare un boom di installazioni in previsione di futuri tagli, ma si sa che il mercato ha le sue leggi interne per cui fare previsioni potrebbe rivelarsi un po’ audace.
Al momento la Germania è in pole position nel settore dell’energia solare in Europa con piani ambiziosi per espandere ulteriormente questo comparto. Vi avevamo già parlato degli ottimi risultati raggiunti negli ultimi tempi dai tedeschi in tema di energia solare e tutto lascia supporre che tale leadership sia destinata a rinsaldarsi.
Il nuovo accordo in materia di rinnovabili giunge in una fase molto delicata in cui i produttori cinesi rischiano di mettere in seria difficoltà le aziende tedesche. E’ per questo che lo stesso ministro Altmaier sta già valutando l’idea di prendere misure antidumping contro i prodotti cinesi. Staremo a vedere, è una partita che si gioca anche su un piano globale e che la Germania sembra stia giocando con molta, ma molta convinzione.
Leggi anche:
 FONTE NOTIZIA

Nessun commento:

Posta un commento

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist