TWITTER

domenica 14 agosto 2011

Dopo l'open softwere arriva l'open hardwere


Ginevra, 7 luglio 2011. Quattro mesi dopo aver lanciato la versione alpha, CERN1 ha rilasciato oggi la versione 1.1 della licenza Open Hardware (OHL), un quadro giuridico per facilitare lo scambio di conoscenze in tutta la comunità del design elettronico.
Nello spirito di conoscenza e la diffusione della tecnologia, la OHL CERN è stata creata per governare l'uso, la copia, modifica e distribuzione della documentazione di progettazione hardware, e la produzione e la distribuzione dei prodotti. Progettazione documentazione hardware include schemi, disegni, schemi di circuito o circuito di bordo, disegni meccanici, diagrammi di flusso e testi descrittivi, come pure altro materiale esplicativo.
La versione 1.0 della OHL CERN è stato pubblicato nel marzo 2011 sulla Repository Open Hardware (OHR), la creazione di progettisti elettronici che lavorano in laboratori di fisica sperimentale, che sentivano la necessità di consentire lo scambio di conoscenze attraverso una vasta comunità e in linea con gli ideali di "scienza aperta" essere promosso da organizzazioni come il CERN.
"Per noi, la spinta verso l'hardware aperto è stato in gran parte motivato da buone intenzioni, l'invidia dei nostri colleghi che sviluppano Linux device-driver", ha dichiarato Javier Serrano, un ingegnere del CERN di Travi Dipartimento e il fondatore della OHR. "Sono parte di una comunità molto ampia di designer che condividono le loro conoscenze e il tempo per venire su con il sistema operativo migliore possibile. Abbiamo ritenuto che non vi era alcuna ragione intrinseca per cui lo sviluppo hardware dovrebbe essere diverso."
Il OHL CERN fornisce un framework per lo scambio di conoscenze che concilia i principi di progettazione aperto con tracciabilità con una chiara politica per la gestione della proprietà intellettuale.
"Il concetto di 'open-source hardware' o 'hardware aperta' non è ancora così conosciuto e diffuso come il software libero o open-source concetto di software", ha detto Myriam Ayass, consigliere giuridico per il Gruppo conoscenza del CERN di trasferimento. "Tuttavia, condivide gli stessi principi: chiunque dovrebbe essere in grado di vedere la fonte (la documentazione di progetto in caso di hardware), studiarlo, modificarlo e condividerlo".
"Il OHL CERN è un risultato entusiasmante, con il potenziale di essere la licenza per condurre progetti di nuovo hardware, come la GNU GPL è stata per il software libero", ha dichiarato Alessandro Rubini, sviluppatore di software libero e co-autore di "Linux Device Drivers" .
"La versione 1.1 integra un feedback ricevuto dalla comunità al fine di seguire i principi generalmente riconosciuti nel movimento libero e open source", ha detto Ayass "e pretende di fare il CERN OHL ancora più facilmente utilizzabili da soggetti diversi del CERN".
"Condividendo i disegni apertamente", ha dichiarato Serrano, "Il CERN prevede di migliorare la qualità dei progetti attraverso la peer review e di garantire ai loro utenti - tra cui società commerciali - la libertà di studiare, modificare e la loro fabbricazione, portando ad un hardware migliore e meno duplicazione di sforzi ".
"Gli sforzi del CERN per la costruzione di un ecosistema Open Hardware certamente di buon auspicio per una maggiore libertà nello spazio digitale", ha detto Carlo Piana, avvocato e libertà digitale General Counsel della Free Software Foundation Europe (FSFE).
Un workshop su hardware Open che si terrà a Grenoble il 9 ottobre 2011, durante la 13 ° Conferenza internazionale sulla Accelerator e Grandi Sistemi di Controllo di Fisica Sperimentale.

Nessun commento:

Posta un commento

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist