TWITTER

sabato 7 gennaio 2012

IL PIU' GRANDE PROGETTO PER L'ACQUAPONICA SVELATO DAGLI EMIRATI ARABI

Traduzione a cura di Kevin Opare
Gli Emirati Arabi importano circa l’85% del cibo. Questa dipendenza fa si che le oscillazioni del mercato e i problemi di fornitura abbia su di loro un peso maggior. Binyas Center sarà in grado di produrre ben 200 tonnellate di pesce e 300 mila cespi di lattuga ogni anno, contribuendo a ridurre il ricorso all’importazione ed avere maggior sicurezza alimentare per la nazione.

I pesci del genere Tilapia (Ciclidi), essendo allevatoi all'interno del sistema, saranno quindi i migliori amici del sistema idroponico e infatti,s econdo le notizie, 50 mila giovani esemplari di questi pesci sono stato importati dall’ Olanda per il progetto. Attualmente il centro è concentrato sulla produzione di lattuga anche se in futuro il sistema ospiterà altri prodotti come pomodori, cetrioli, anche okra, una pianta affine agli ibischi di cui si consuma i frutti.
La capacità del centro è impressionante: ci sono due serre principali da 4000 metri quadrati. Il sistema ultilizza una serie di vasche, filtri e attrezzature per l’irrigazione e in modo da assicurarsi che i rifiuti dei pesci alimentino le piante, le quali a loro volta, con le loro proprietà purificanti, possano pulire l’acqua per poter farla poi circolare di nuovo nelle vasche dei pesci.
Naturalmente un fattore chiave per gli Emirati Arabi Uniti è l'efficienza idrica. Fortunatamente il Baniyas Centre è altamente efficiente e utilizza solo una frazione dell'acqua che sarebbe necessaria per l'agricoltura tradizionale. Ci saranno due serbatoi principali con una capienza di circa 400mila litri, ma a causa del modo in cui il sistema ricicla l'acqua, si prevede che essa rimarrà inutilizzabile per un anno o più, all'interno dei serbatoi.
Il sistema nel suo complesso è gestito da una sola pompa dell'acqua, la sua efficienza energetica ed idrica è trascurabile rispetto ai metodi più tradizionali, è molto più conveniente. Alla fine sarà in grado di produrre in totale 450mila chili di cibo ogni anno, da febbraio sperano di spedire la lattuga in tutta Emirati Arabi e da Maggio si prevede che il primo pesce verrà inviato agli ipermercati a livello nazionale.
Licenza Creative Commons
Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Itali

Nessun commento:

Posta un commento

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist