TWITTER

mercoledì 25 aprile 2012

“Sea Tree”, una piattaforma interamente dedicata a flora e fauna, sia terrestre che marina

DAL BLOG LO SPIRITO DEL TEMPO
Traduzione a cura di Daniel Iversen e Claudio Galbiati
L’urbanizzazione e il cambiamento climatico mettono molta pressione allo spazio disponibile per la natura nei centri cittadini. Sono inoltre rare le iniziative per l’aggiunta di zone a parco nelle città. Eppure si tratta di habitat aggiuntivi che porterebbero uccelli, api, pipistrelli e altri piccoli animali nei nostri centri che avrebbero un “effetto verde” molto positivo sull’ambiente cittadino.
Waterstudio ha progettato un nuovo concetto per macchie verdi ad alta densità situate nelle città: il Sea Tree (albero marino).

Si tratta di una struttura galleggiante che contiene molti strati di habitat verdi, resi disponibili interamente agli animali in quanto la struttura non è accessibile dagli esseri umani. Il Sea Tree è costruito con tecnologia off-shore molto simile a quella usata per le torri di stoccaggio petrolio situate in mare aperto. L’idea è che le grandi compagnie petrolifere donino un Sea Tree alla città mostrando così la loro preoccupazione per un miglior ambiente cittadino usando una proprietà intellettuale in loro possesso.Lo spazio per questi alberi marini può essere trovato in fiumi, mari, laghi e persino nei porti. L’altezza e la profondità di queste strutture può variare a seconda della locazione. Il Sea Tree si muove leggermente a seconda del vento ed è ormeggiato sul fondo con un sistema di cavi.
Sott’acqua la struttura offre un habitat per piccole creature marine o, se il clima lo permette, anche per barriere coralline artificiali.
La bellezza nel design sta nel fatto che offre una soluzione e nello stesso tempo non occupa spazio a terra mentre l’effetto delle specie che vivono nel Sea Tree sarà visibile per svariati chilometri intorno alla posizione della struttura. Infatti, per quello che sappiamo, questa torre sarà il primo oggetto galleggiante progettato al 100 % per la flora e per la fauna. Il Sea Tree fa uso di tecnologia esistente e già collaudata. La nostra eredità olandese di lotte centenarie contro l’acqua ci ha fornito molte innovative soluzioni galleggianti. Le compagnie petrolifere usano da anni strutture come questa, noi gli abbiamo solo dato una nuova forma e funzione.
Per le soluzioni di flora e fauna abbiamo qui in Olanda le migliori Università e gli istituti più prestigiosi che ci hanno fornito il concept per usare queste strutture come catalizzatrici, per la sviluppo di habitat dedicati alla flora e alla fauna.
Il Sea Tree fornisce alle compagnie petrolifere un ‘altra strada per avere un attitudine positiva per l’ambiente. E’ una “applicazione cittadina”, un prodotto galleggiate che può essere aggiunto alla vostra città come un app per il vostro smartphone. La compagnia petrolifera manterrà la proprietà mentre la città fornirà il posto.L’ispirazione ci è venuta da un progetto olandese dove gli ecologisti ci forzarono a fornire degli habitat che non potessero venire disturbati dalle persone. L’acqua è ovviamente un ottimo modo per tenerle alla larga. La forma di una struttura galleggiante per lo stoccaggio petrolifero ha portato in Norvegia un’altra ispirazione, una forma ad albero con una grande chioma sulla cima. Il concetto è che se prendiamo zone di parco delle aree urbane, le dividiamo in pezzi e li mettiamo verticalmente, uno sopra l’altro,  alla fine diventa un punto di ritrovo verticale per la fauna selvatica.
Il costo per il progetto Sea Tree è stimato intorno ai 4.5 milioni di dollari. Dipende dalla profondità dall’acqua, dalle strutture di ormeggio e dal trasporto dal sito di costruzione al città scelta.
Differenze di costo poi dipendono dalla flora e fauna preferita.
Fonte:  Waterstudios

Nessun commento:

Posta un commento

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist