TWITTER

giovedì 14 novembre 2013

ULTra Pod, bus hi-tech senza autista, elettrico e pulito

Sono già in servizio i mini bus elettrici automatici ed ecocompatibili.

Fonte Notizia 


Ci sono città che si affidano ancora ai vecchi, costosi, invasivi e poco agili filobus e città che puntano sui minibus elettrici personalizzabili e senza autista. Si chiamano ULTra Personal Electric Transportation Pods e si possono vedere in azione da un paio d'anni nell'aeroporto londinese di Heathrow, dove collegano il terminale 5 al parcheggio business. Da maggio 2011 questi mezzi hanno trasportato più di 600.000 passeggeri, in sostituzione di 70.000 viaggi di autobus alimentati con combustibili inquinanti. Un sistema di successo, che sta per essere esteso ai terminali 2 e 3 dello scalo londinese.



Tra due anni i Pods prodotti dall'azienda Ultra Global di Bristol viaggeranno anche per le strade di Milton Keynes, la città a nord ovest di Londra che, grazie ai suoi ampi marciapiedi, è stata scelta dal governo britannico per sperimentare il sistema in un'area urbana. A Milton Keynes entreranno in funzione 100 veicoli elettrici, per collegare il centro della città alla stazione ferroviaria. Nella prima fase della sperimentazione, gli ULTra Pods marceranno in corsie preferenziali protette da cordoli, ma il progetto è ambizioso e prevede che in futuro i veicoli possano diventare padroni delle strade.

ULTra Pod, trasporto pubblico del futuro

Gli ULTra Pods sono veicoli su gomma alimentati a batteria, in grado di trasportare quattro-sei passeggeri per volta con i loro bagagli. Non hanno barriere architettoniche (possono accogliere sedie a rotelle, carrozzine e biciclette) e hanno una capacità totale di carico di 450 kg. Ogni veicolo, dotato di ampie vetrate, è monitorato con telecamere a circuito chiuso e c'è un team di controllori a distanza, che può dialogare con i passeggeri: basta spingere un pulsante.  Il raggio di sterzata è di 5 metri e il peso a vuoto è di 850 kg. Non fanno rumore e non emettono sostanze nocive per l'ambiente.
Il veicolo viaggia a bassa velocità lungo il marciapiedi (o nella corsia preferenziale protetta) e la batteria pesa 64 kg, cioè il cinque per cento del peso lordo. Questo – dicono i produttori - permette al mezzo di avere l'autonomia necessaria per garantirne il funzionamento in armonia con i tempi di ricarica nelle stazioni dislocate lungo il percorso. Ogni stazione di testa può gestire dai 100 ai 120 veicoli ogni ora, con tempi di attesa quasi nulli: nell'aeroporto di Heathrow passano appena trenta secondi dalla chiamata. Già, perché l'ULTra Pod si chiama con un'applicazione e la destinazione si digita sul display.
I costi? ULTra Pod, compresi i sistemi di binario di guida, le stazioni, i veicoli, costa tra i 7 e i 15 milioni di dollari per chilometro, come si legge nella brochure del produttore. Gli esperti e gli amministratori pubblici possono valutare fattibilità e compatibilità di questo avveniristico sistema di trasporto.
Tutte le risposte alle FAQ sugli ULTra Pods sono su questo link.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Perché transizione culturale?

IL DIFFICILE MOMENTO DI CRISI MONDIALE, DOVUTO ALL'AUMENTO ESPONENZIALE DI : DEBITO/DISOCCUPAZIONE/SVILUPPO TECNOLOGICO/CONSUMO/INQUINAMENTO, PORTANO FINALMENTE L'UMANITÀ AD UNA ESIGENZA CONSAPEVOLE DI UN CAMBIAMENTO SOCIALE
L'ENORME SVILUPPO DI NUOVE TECNOLOGIE ECO SOSTENIBILI, DALL'ACRONIMO RBEM (MODELLO ECONOMICO BASATO SULLE RISORSE ), INSIEME ALLE NUOVE SORGENTIOPEN SOURCE (LICENZE LIBERE PER SVILUPPARNE I PROGETTI), FANNO SEMPRE PIÙ FIORIRE L'INTERESSE COLLETTIVO DI UNA NUOVA CULTURA GLOBALE.
L'IMPEGNO DI TUTTI, E' DI TOTALE INDISPENSABILITÀ PER COLLABORARE SENZA PIÙ COMPETERE.
Fausto Govoni

condividi

IL POTENZIALE GEOTERMICO MONDIALE

Siamo tutti vittime del "familismo amorale"

CONTATORE DEBITO PUBBLICO ITALIANO

FEDERICO PISTONO "cervello in fuga alla silicon valley"

Dichiarazione delle iniziative del Movimento Zeitgeist